Ricostruire un problema partendo dall’analisi delle sue parti fondamentali, testo e domanda, presuppone un’attenta riflessione linguistica necessaria e funzionale alla risoluzione.

Nello sviluppo dell’attività proposta, è proprio attraverso questa riflessione che si arriva alla scelta della domanda logicamente possibile e quindi alla ricomposizione del puzzle.

Spesso la difficoltà nella risoluzione dei problemi aritmetici è prettamente linguistica e non matematica e una formulazione linguistica complessa finisce per precludere la strada anche a bambini con buone potenzialità matematiche: la corretta decodifica linguistica si antepone al problema matematico vero e proprio.

Ogni asserzione matematica è fatta di aspetti semantici e sintattici, di dati linguistici espliciti e impliciti la cui corretta decodifica risulta determinante nella risoluzione del problema.
Ricomporre un puzzle di problemi riflettendo mano a mano su testi e domande e sulle loro possibili relazioni, porta a sviluppare competenze specifiche di decodificazione linguistica del testo verbale e a padroneggiare indicatori logici e  parole chiave per la corretta interpretazione del testo e la successiva risoluzione del problema. 

Attività in classe: puzzle dei problemi

Il materiale proposto comprende comprende due serie di problemi suddivisi in testo e domanda.

L’attività prevede la ricomposizione dei problemi analizzando i testi e le domande possibili.

Solo dopo la ricomposizione del puzzle dei problemi e quindi dopo la loro comprensione linguistica, si passa alla fase risolutiva.

Spunti editoriali

Problemi senza problemi. Attività di problem solving matematico nella Scuola primaria

Disfaproblemi. 90 esercizi per liberarsi dalla paura della matematica

Conorovesciato. Un esperimento di didattica per problemi nella scuola primaria.

200 Giochi Matematici per Bambini 6-9 Anni: Giochi e Passatempi di Matematica e Logica