Da tempo ormai i bambini e le bambine fanno la spesa in classe.

Inizialmente con scatole e barattoli di alimenti o prodotti per la casa e la persona, accuratamente prezzati e disposti sui banchi. Prodotti da da scegliere e comprare pagando con i soldi a disposizione nel proprio portafoglio e verificando il resto ricevuto.

Poi facendo spese molto più grandi, riempiendo carrelli virtuali disegnati sui quaderni.

Come? Divertendosi!

Monete e banconote a disposizione

E una lunga serie di prodotti da scegliere, da quelli poco costosi a quelli molto costosi per lavorare concretamente con le centinaia, le decine e le unità di euro, ma anche con le decine e le unità di centesimi.

I bambini e le bambine scelgono i prodotti e li inseriscono nel proprio carrello e, mano a mano, compongono il loro scontrino.

Il divertimento è fare spese grandissime e…calcoli lunghissimi.

Hanno imparato così a lavorare con i numeri decimali facendo somme e differenze con la massima naturalezza.

I bambini “concretizzano” la spesa preparando i soldi necessari a pagarla, ma la cosa più divertente è, sicuramente, non avere i soldi precisi per pagarla, ma un po’ di più e dover attendere il resto dai compagni.

I bambini calcolano la spesa e il resto e poi…verificano in modo assolutamente autonomo.

Con un vecchio, vecchissimo, calcolatore da ufficio il divertimento è assicurato: a fine attività stampano il proprio scontrino fisico con tanto di resto calcolato.

L’autocontrollo può comunque essere svolto con l’utilizzo di una semplice calcolatrice.

Beh, forse non è proprio così strano se tutti vogliano sempre fare la spesa…

Materiale stampabile

Spesa, guadagno e ricavo

Spunti editoriali e non solo

Soldi finti Euro Reali 120 Pezzi Euro Finti Banconote False Realistiche

Registratore di Cassa con Calcolatrice Dai 3 anni in avanti 

Astuccio delle regole di matematica