L’ ‘approccio educativo montessoriano si distingue per la sua unicità anche per quando riguarda l’approccio alla lettura e alla scrittura.

Lettura e scrittura fanno infatti parte di un unico grande processo che si avvia in modo spontaneo nei primissimi anni di vita.

L’ambiente e i materiali rendono possibile la costruzione di percorsi autonomi e quindi rispettosi dei tempi e dei ritmi di ognuno.

Ambiente e materiali, rappresentano due dei punti cardine dell’ impianto pedagogico montessoriano: i bambini, dotati di una straordinaria capacità innata ad apprendere, avviano in modo naturale il proprio percorso di apprendimento se posti in un ambiente preparato con materiali appositamente pensati per stimolarne e svilupparne le abilità in nuce.

Volendo fare una sintesi estrema del pensiero di Maria Montessori in merito all’apprendimento della lettura e della scrittura, potremmo ripercorrerlo in sei punti:

Ambiente preparato: l’ ambiente educativo deve essere preparato con materiali e attività accessibili e adatti allo sviluppo delle abilità dei bambini.

I materiali devono essere sempre disponibili in modo che i bambini possano procedere con esplorazioni autonome.

Periodo sensibile: il periodo sensibile per la lettura e la scrittura si verifica intorno ai 3-6 anni.

Durante questo periodo, i bambini mostrano un interesse naturale per l’alfabetizzazione ed è proprio durante questo periodo che l’esposizione ad un ambiente educativo preparato  e le esplorazioni  libere con i materiali favorisconol’insorgere spontaneo della lettura e della scrittura.

Simboli fonetici: secondo l’approccio montessoriano l’apprendimento dei suoni a delle lettere avviene attraverso una pratica multi sensoriale.

L’utilizzo delle lettere smerigliate consente ai bambini di sentirne il suono, di vederne la rappresentazione grafica e di seguirne il percorso tattile.

La memorizzazione della lettera non avviene dunque per un apprendimento mnemonico, ma su base neuro-sensoriale.

Scrittura prima della lettura: attraverso l’utilizzo dei materiali, in particolare quello delle lettere smerigliate e dell’ alfabeto mobile, i bambini iniziano a scrivere prima di imparare a leggere.

Le prove di scrittura non solo aiutano i bambini a sviluppare la coordinazione motoria fine necessaria al gesto grafico, ma gradualmente ne sviluppano anche la consapevolezza dei suoni.

Lettura globale: l’approccio alla lettura è di tipo globale e si concentra sulla presentazione di parole e concetti familiari ai bambini per poi lasciare gradualmente il passo a letture sempre più complesse.

Tale  approccio genera un senso di autoefficacia e di fiducia nelle proprie capacità mantenendo vivo l’interesse e il piacere per la lettura.

Indipendenza e auto-correzione: tutti i materiali Montessori sono progettati per essere auto-correttivi, permettendo ai bambini di scoprire e correggere in modo i propri errori e per promuovere di conseguenza l’indipendenza e l’autonomia nel processo di apprendimento.

Attività didattica- Primi libri

Sentirsi in grado di leggere aumenta il senso di fiducia nelle proprie capacità e rafforza l’autostima.

E scoprirsi capaci di leggere addirittura un libro è qualcosa di estremamente edificante che spinge ad andare oltre.

Perché allora non organizzare piccoli libri strutturati a difficoltà crescente per le prime letture di parole?

I libri possono essere pensati per difficoltà crescenti e accompagnare i bimbi nei loro percorsi autonomi.

Spunti editoriali

Il mio primo piccolo libro-Il bosco: Leggere con il metodo Montessori

I libri della collana sono organizzati a difficoltà crescente , per avviare i bambini alla lettura dando loro in mano, a tutti gli effetti, un libro da leggere, e scoprirsi in grado di leggerlo è qualcosa di tanto edificante da generare autostima e fiducia nelle proprie capacità … 

Piccolo Erbario : Il Mio Primo Album per la Raccolta di Foglie e Fiori/Taccuino di Botanica da Completare per Conservare Piante ed Erbe Spontanee

Il mio primo libro delle emozioni. Montessori: un mondo di conquiste. Ediz. a colori