educazione civica

Aspettando il 25 aprile: il ruolo della donna per la Liberazione

by

La Resistenza rappresenta la fase in cui nascono e si sviluppano le premesse per la nascita della Costituzione e della Repubblica democratica. E per la prima volta le donne partecipano da protagoniste a un momento decisivo della storia italiana.

E’ un fatto inedito, che non ha precedenti: la partecipazione femminile non è più di una elite intellettuale e culturale del paese, com’era avvenuto durante il Risorgimento; si tratta invece di un fatto diffuso, realmente di massa.

Le donne svolgono un fondamentale ruolo di organizzazione e di supporto all’azione delle brigate partigiane

Eppure quando si ricordano le lotte partigiane si parla sempre di partigiani e mai di partigiane.

Si parla di “Resistenza taciuta”; una Resistenza che si sa essere stata forte e presente, ma mai raccontata. 

Il ruolo delle donne è stato fondamentale per la gestione organizzativa quotidiana delle brigate : si occupavano della stampa dei materiali di propaganda, attaccavano i manifesti, distribuivano segretamente i volantini, svolgevano funzioni di collegamento, curavano il passaggio delle informazioni, trasportavano e raccoglievano armi, munizioni, esplosivi, viveri, indumenti, medicinali, svolgevano funzioni infermieristiche, preparavano i rifugi e i nascondigli per i partigiani.

Tutto a rischio della vita. 

Le donne impegnate nella Resistenza furono oltre 70.000 e di queste, oltre 35.000, furono le combattenti: impugnarono le armi per liberare l’Italia dal giogo nazifascista, presero parte alle tante brigate partigiane, combatterono insieme agli uomini e, in alcuni casi,  vennero scelte come capi squadra delle stesse brigate. 

Eppure, finita la guerra, liberata l’Italia, il loro ruolo non fu mai debitamente riconosciuto, le medaglie andarono sono agli uomini e molte delle loro storie sono andate irrimediabilmente perdute.   

Una pagina di storia che racconta il ruolo della donna nella resistenza e lo sciopero del pane del 41.

Il materiale completo è disponibile nella sezione SHOP

Agire la Costituzione

by

Se v’è per l’umanità una speranza di salvezza e di aiuto, questo aiuto non potrà venire che dal bambino, perché in lui si costruisce l’uomo

Maria Montessori

Il 1° gennaio del 1948 entrava in vigore la Costituzione della Repubblica Italiana: il primo passo del nostro paese verso la libertà e la democrazia.

A scuola, la libertà e la democrazia si declinano in esperienze quotidiane che concretizzano la necessità del rispetto dei diritti e dei doveri; ogni esperienza è una preziosa occasione per riflettere e sperimentare. 

La Costituzione e i suoi principi non sono semplicemente letti o raccontati, ma si concretizzano in costanti richiami che nascono proprio dall’esperienza quotidiana.

La scuola è un luogo privilegiato dove allenare diritti, doveri, partecipazione e cittadinanza attiva; è un luogo privilegiato per formare e favorire la piena partecipazione alla vita civile che si plasma e prende gradualmente forma secondo i princìpi di responsabilità, legalità e solidarietà.

La Costituzione agíta attraverso l’esperienza è paragonabile alla forza vitale del seme che contiene in sé tutto il necessario per crescere e svilupparsi; un seme di cui prendersi cura, giorno dopo giorno, perché possa crescere e fortificarsi insieme ai bambini.

Una Costituzione da praticare e sperimentare, un po’ come accadeva a Barbiana dove don Milani la traduceva giornalmente in atti concreti.

Fu proprio dalla traduzione della Costituzione in atti concreti, che i ragazzi di Barbiana riuscirono a far costruire dal comune di Vicchio,, il “ponte di Lucianino” perché fosse rimosso ogni ostacolo affinché uno dei ragazzi del gruppo classe potesse arrivare alla canonica anche d’inverno senza rischiare di finire nelle acque gelide del ruscello.

Quello della scuola è dunque un compito importante: rendere la Costituzione costantemente presente. Ad ogni insegnante spetta il compito di trovare il modo, o i tanti modi possibili, per rendere la Carta Costituzionale una carta viva e straordinariamente attuale che contiene in sé tutte le indicazioni per costruire una società nuova capace di dare a tutti pari diritti e pari dignità.

Una brevissima storia della Repubblica italiana in tre carte, dal referendum alla Costituzione.

Seguono due mappe: lo Stato italiano e i simboli della repubblica.

Le mappe possono essere ampliate tramite ricerche personali fatte direttamente dai bambini o acquistate nella versione completa.

Il mondo è tuo. Ediz. illustrata Sei libero di giocare. Sei libero di pensare. Sei libero di amare. Sei libero di essere felice. Perché il mondo è tuo. Un libro per tutti che arriva dritto al cuore.

Don Milani. Una vita per i ragazzi  La prima A è la peggiore classe della scuola: gli alunni gridano, si distraggono. Eppure quando entra la professoressa Digisi, la classe diventa operosa e collaborativa. Come mai? E la professoressa comincia a raccontare la vita del suo maestro: don Lorenzo Milani…

Mia patria sono gli oppressi. Don Milani, la scuola, la guerra  Questo libro racconta la storia di Don Milani ed è un omaggio al suo rischiare in prima persona, al suo non tirarsi indietro mai quando in gioco ci sono l’ingiustizia, l’oppressione, la violenza. «Se voi avete diritto di dividere il mondo in italiani e stranieri allora vi dirò che, nel vostro senso, io non ho Patria e reclamo il diritto di dividere il mondo in diseredati e oppressi da un lato, privilegiati e oppressori dall’altro. Gli uni sono la mia Patria, gli altri i miei stranieri». Età di lettura: da 6 anni.

Lily, piccola rana esploratrice: Leggere, fare e scoprire  Con il suo viaggio, fatto di piccoli salti, Lily, la piccola rana esploratrice, scopre che il mondo è fatto di creature che sano prendersene straordinariamente cura…

GiochiAMOci la legalità

by

Outdoor education

L’esperienza, fa parte di un percorso più ampio, fatto di tante altre esperienze vissute e giocate tutte in outdoor education.

Le esperienze si propongono di attivare un percorso di educazione alla legalità attraverso il gioco in intimo contatto con tutto ciò che ci circonda.

Grazie all’interazione con le famiglie, si ricercano giochi appartenenti a culture e ad  epoche diverse.Privilegiati sono i giochi da cortile e quelli sviluppabili all’esterno e in gruppo.

Il gioco -narrato, immaginato e realizzato- , diventa il punto di partenza per “vivere” le regole e percependone la necessità sulla propria pelle , ma anche  per co-costruire un percorso mirato ad una  loro definizione condivisa.

Attraverso il gioco -pensato, progettato e giocato- i concetti di legalità, cittadinanza e democrazia si fanno strada battuta e, lungo il percorso, gioco e creatività sono fine e strumento per esercitare  attivamente democrazia e legalità; la  rielaborazione creativa dei giochi analizzati, la progettazione di gruppo e la realizzazione dei materiali hanno guidato gli alunni in modo spontaneo e naturale  anche al ripensamento creativo di ciò che la Natura mette loro a disposizione e a  vivere diversa-mente  luoghi conosciuti nel pieno rispetto di tutto ciò che ci circonda con un atteggiamento di cura.

Materiali: di recupero e facilmente reperibili all’interno del cortile della scuola (sassi, stecchi, foglie, pigne…) 

Ambiti disciplinari e interdisciplinari: collegamento  dell’esperienza con le Indicazioni Nazionali

Indicazioni Nazionaliambiti disciplinari
“L’educazione alla cittadinanza viene promossa
attraverso esperienze significative(…) che favoriscano
forme di cooperazione e di solidarietà.
Questa fase del processo formativo è il terreno
favorevole per lo sviluppo di un’adesione consapevole
a valori condivisi e di atteggiamenti cooperativi e
collaborativi che costituiscono la condizione per
praticare la convivenza civile. “
Educazione civica 
“La comunicazione orale nella forma dell’ascolto e del
parlato è il modo naturale con cui il bambino, ad un
tempo, entra in rapporto con gli altri e «dà i nomi alle
cose» esplorandone la complessità. “
Italiano
“Nella scuola primaria si potrà utilizzare il gioco, che
ha un ruolo cruciale nella comunicazione,
nell’educazione al rispetto di regole condivise,
nell’elaborazione di strategie adatte a contesti diversi. 
La costruzione del pensiero matematico è un processo
lungo e progressivo nel quale concetti, abilità,
competenze e atteggiamenti vengono ritrovati,
intrecciati, consolidati e sviluppati a più riprese(…)”
Matematica
“Attraverso la dimensione motoria l’alunno è facilitato
nell’espressione di istanze comunicative e disagi di
varia natura che non sempre riesce a comunicare con
il linguaggio verbale. “
Educazione fisica 
“Ricavare da fonti di tipo diverso informazioni e
conoscenze su aspetti del passato. “
Storia

Esperienza

Inizio

  • Brainstorming sui giochi da fare all’aperto e in gruppo
  • Intervista a nonni e genitori sui  giochi che facevano da piccoli
  • Lettura di brani che presentino la  descrizione di giochi di epoche e culture diverse

Svolgimento

  • Scegliere un gioco tra quelli  raccontati o narrati
  • concordarne le regole
  • organizzare-scegliere-costruire i materiali necessari al gioco
  • comunicare efficacemente con tutti i membri del gruppo ascoltando anche i pareri e le idee dell’altro
  • gestire una pluralità di relazioni con il gruppo dei coetanei

Conclusione

  • esecuzione del gioco
  • gestione del  gioco e dei conflitti che possono sorgere
  • arbitraggio dei vari contenziosi nel rispetto delle regole e dell’altro 
  • discussione e riflessione su ciò che si è mosso dentro e fuori di noi

La voce dei bambini:

-In tutti siamo troppi; dividiamoci in gruppi

-Sì e ognuno dice una cosa e poi ce la diciamo

-si può fare anche un progetto del gioco

-E poi quale si sceglie?

-Si può scegliere con il dado

-O quello che piace di più a tutti!

-Così iniziamo a cercare le cose

-e a giocare

Metodologia:

  • approccio montessoriano legato alla esperenzialità  e alla corporeità ,e alla necessità di costruire una  relazione eticamente e concretamente sostenibile tra singolo e singolo, singolo e collettività e collettività e cosmo
  • outdoor education




Lascia un commento Autenticato come montessorianamenteUscire?Commento